AID Italia - La risposta alle tue domande sulla dislessia

Aid sezione di

Modena

La Sezione

Lo specchietto, Gentilmente concessoci dalla dott.ssa A. Riccò, psicologa psicoterapeuta, responsabile aziendale Psicologi NPIA, responsabile CNPIA Pavullo DSM/DP AUSL Modena, ci mostra molto chiaramente l'iter che viene seguito.

Modena è un'isola felice dell'Emilia Romagna in quanto ad identificazione. Una individuazione precoce permette sia il potenziamento scolastico prima che la riabilitazione poi con ottimi risultati per il raggiungimento del benessere scolastico e l'autonomia.

La scuola, attraverso percorsi di individuazione precoce (gennaio-maggio) e dopo uno specifico potenziamento scolastico che non ha portato ai risultati sperati, segnala alla famiglia la difficoltà riscontrata. 

La famiglia, con le indicazionidelle difficoltà riscontrate dalla scuola, si rivolge al pediatra per l'invio al CUP tramite impegnativa per sospetto DSA (no deficit sensoriali o psichiatrico).La dicitura sull'impegnativa è uguale per tutti: "colloquio psicologico clinico" e "somministrazione test intelligenza" per sospetto DSA, poi il MMG/PLS deve produrre il documento di escusione altre patologie (scaricabile qui) (MMG=medici di medicina generale; PLS= pediatri libera scelta)

Gli studenti vengono presi in carico dai servizi fino ai 12 anni (ma anche oltre se si tratta di aggiornamento). Dopo i 12 anni il CUP invia al Nespolo, centro accreditato dai Servizi di Modena.

A Breve a Modena i 3 poli attualmente presenti saranno concentrati in un unico POLO in Via Gertarelli.

L'art.3 della Legge 170/2010 cito: 1. La diagnosi dei DSA e' effettuata nell'ambito dei trattamenti specialistici già assicurati dal Servizio sanitario nazionale a legislazione vigente ed e' comunicata dalla famiglia alla scuola di appartenenza dello studente. Le regioni nel cui territorio non sia possibile effettuare la diagnosi nell'ambito dei trattamenti specialistici erogati dal Servizio sanitario nazionale possono prevedere, nei limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, che la medesima diagnosi sia effettuata da specialisti o strutture accreditate.

Può essere percorsa anche la strada della diagnosi privata che poi dovrà essere riconosciuta dal Gruppo di Conformità dei servizi sanitari:

la diagnosi privata deve essere consegnata direttamente al Servizio di NPIA (Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza) delle AUSL di competenza (in copia anche alla scuola, regolarmente protocollata. Protocollare la diagnosi o una richiesta vuol dire ricevere dalla scuola un numero di protocollo che ne attesti la consegna.

Nel momento in cui iniziate l'iter diagnostico presso i Servizi o attendete la validazione dal Gruppo di Conformità potete richiedere che la scuola osservi la Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013 

Occorre rinnovare la diagnosi al passaggio di ordine di grado scolastico (per esempio nel passaggio dalla primaria alla secondaria di primo grado o dal passaggio dalla secondaria di primo grado alla secondaria di secondo grado) e non prima dei 3 anni: l'aggiornamento fatto in terza della secondaria di primo (terza media) vale per tutta la secondaria di secondo grado, compreso l'esame di Stato. Per accedere all'Università occorre l'aggiornamento dopo i 18 anni (nel pubblico presso l'Arcispedale di Reggio Emilia)

Condividi
Questo sito web utilizza dei cookies tecnici e cookies di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti. Per saperne di più e per la gestione di tali cookies, continua con la lettura. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. AUTORIZZO.